fbpx
Quanto costa sprecare carburante? - Itemacom Srl
1063
post-template-default,single,single-post,postid-1063,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Quanto costa sprecare carburante? Ecco quello che dovreste sapere

cosa fare contro lo spreco di carburante

Quanto costa sprecare carburante? Ecco quello che dovreste sapere

In base alle statistiche e alle nostre comuni esperienze quotidiane, è possibile constatare che l’acquisto di carburante è una delle spese più elevate che dobbiamo affrontare. Non a caso, è stato registrato che, nel 2017, gli italiani hanno speso ben 53,3 miliardi di euro per la benzina e il gasolio. Da questi dati ufficiali sui consumi si comprende facilmente che sprecare carburante è davvero oneroso. Quando si tratta di aziende di autotrasporti e attività similari, questo è ancor più vero e diventa un fattore da non sottovalutare e da tenere sotto controllo, ma come possiamo fare? Ovviamente, non possiamo ridurre i consumi, ma possiamo controllarli e monitorare i vari spostamenti della flotta aziendale grazie ai sistemi GPS e alle sonde di livello capacitive proposte da Itemacom.

Cosa comportano queste soluzioni e come ci aiutano a non sprecare carburante?

Dotare i mezzi aziendali di un GPS è una soluzione ottimale in quanto consente di monitorare spostamenti, chilometraggi, tempi morti, ore di guida e molto altro. In questo modo, è possibile fare calcoli, ottimizzare percorsi e gestire al meglio tutto il processo, arrivando così ad avere non solo un quadro totale della situazione, ma anche a evitare inutili sprechi di carburante: se ci costano troppo i consumi, pensate a quanto possa essere oneroso uno spreco costante!

Inoltre, grazie ai sistemi GPS, è possibile controllare quanto tempo i veicoli restano fermi con il motore acceso. Questo può accadere durante una consegna e/o lo scarico della merce. In alcuni casi, restano fermi per troppo tempo e questo può significare sprecare carburante. Si tratta di un errore umano, solitamente fatto in buona fede, che però, grazie al monitoraggio degli spostamenti di ogni mezzo può essere portato all’attenzione ed evitato.

In più, non dobbiamo sottovalutare il fatto che i sistemi di localizzazione dei veicoli consentono di accorgersi degli autisti che guidano in modo “troppo sportivo” e limitarne al più presto i danni. Infatti, accelerare spesso e bruscamente, per poi frenare all’improvviso porta a consumare più carburante, mentre una velocità costante consente di evitare sprechi.

come risolvere il problema dello spreco del carburante

E cosa possiamo dire riguardo le sonde di livello capacitive?

La soluzione del GPS si completa alla perfezione con l’installazione di una sonda per carburante, e lo stesso accade viceversa. Infatti, le nostre sonde di livello capacitive, collegate a un GPS, aiutano a risolvere tanti problemi correlati ai trasporti, in quanto offrono una dettagliata analisi dei percorsi (con storico) e permettono il controllo dei consumi, dei rifornimenti fatti, dell’effettiva disponibilità di carburante sui singoli mezzi, dei prelievi o furti.

In pratica, GPS e sonda per carburante consentono di prevenire o correggere eventuali situazioni problematiche e dispendiose praticamente in tempo reale, comportando una proficua riduzione dei costi. Si tratta di una combinazione perfetta altresì per il monitoraggio delle eventuali perdite di carburante e delle correlate anomalie (generalmente, ogni azienda perde circa 10/20 litri di carburante al giorno per mezzo, che arrivano spesso a 2500-5000 litri in un anno). In poche parole, per molte aziende, avvalersi di questa soluzione combinata è significato poter constatare un risparmio di alcune migliaia di euro l’anno, che sicuramente non è da poco.